Blog e indicazioni d'uso

Cos'è "Yates in the space"?

Yates in the space è un blog che originariamente ho aperto per recensire i libri letti. Con il tempo l'ho fatto diventare un vero e proprio taccuino dove trascrivo i miei pensieri non soltanto riguardanti i libri ma anche i film e altro (v. i tag ebraismo e filosofia).

Come si può notare sfogliando questo sito, cinema e letteratura sono i miei interessi principali.

Nello specifico, per quanto riguarda il mondo cinematografico, ci sono un paio di attori e registi che preferisco, ma credo sia più interessante indicare i film che mi sono rimasti più impressi nella mente, e mi viene subito da citare C'era una volta in America, La valle dell'Eden e Giù la testa.

Invece per quanto riguarda i libri, nell'ultimo anno e mezzo ho scoperto di amare smisuratamente la letteratura americana, che ha spodestato quella russa dal primo posto dopo esservi stata per lungo tempo. In generale mi incantano le storie che svelano l'America; trovo estremamente puntuale e avvincente il realismo statunitense, per questo ho un debole per le voci narranti che non si rifiutano di raccontare l'America rurale, misera e provinciale - che a conti fatti è l'America autentica. Philip Roth, Paul Auster, Rick Moody, Don Delillo, Tennessee Williams, Francis S. Fitzgerald, Jack London, Jack Kerouac e tantissimi altri: sono loro, proprio loro, a placare la mia sete di America.

Sono convinta che i film, così come i libri, hanno il potere di svegliare le coscienze e quindi di cambiare radicalmente le masse. Per questo, e anche per altro, cerco di essere sempre una spettatrice e lettrice attiva.

richard-yates_1

Qual è il significato del titolo?

  • Yates indica due soggetti: il mio scrittore statunitense preferito, Richard Yates (che vedete nella foto qui sopra), e un personaggio fittizio di una serie TV americana andata in onda negli anni '50, ovvero Rowdy Yates, interpretato da un giovane Clint Eastwood (attore e regista molto importante perché mi ha introdotta al mondo del cinema).
  • In the space indica un altro mio interesse, meno approfondito rispetto al cinema e alla letteratura, ma comunque dotato di una sua importanza, ovvero l'astronomia, lo spazio.

Così, se a fianco di Yates poniamo in the space - che letteralmente significa Yates nello spazio - si produce una paronomasia. Ripetendolo più volte a voce alta, mi sono resa conto che è un titolo molto carino, ma soprattutto è puntuale e significativo.

493946108-2

Come si usa questo blog?

Come ho già detto questo blog è un taccuino, quindi tutto quello che vi scrivo sopra è partorito dalla mia mente. Non faccio né ho mai fatto critica letteraria, e non mi interessa neanche provarci, perché quando scrivo sono tendenzialmente irrazionale. Io sono per l'anarchia della lettura e della scrittura. Dunque qui trovate soltanto impressioni, sensazioni e sentimenti, non analisi critiche o cose di questo tipo - che sono comunque lodevoli, ma non è compito mio fare questo genere di cose.

In ogni caso i contenuti in generale presenti sul blog li ho racchiusi in rubriche più generiche che trovate in alto, nella barra del menù, e sono "Americana" e "Cinema".

Americana, nello specifico, è la raccolta degli articoli dedicati alla cultura americana: lì troverete prevalentemente quello che fino ad ora ho scritto sulla letteratura statunitense. Vi sono anche svariati articoli di filosofia.
Invece la rubrica Cinema indica, molto banalmente, ogni articolo-recensione dedicato ai film visti e adorati.


Yates in the space è in formazione; è come una massa d'argilla fresca da modellare. Deve ancora trovare una forma definitiva. Tuttavia noto già un che di consolidato, dovuto al fatto che questo blog da diverso tempo si dà l'obiettivo preciso di omaggiare la cultura di quel Paese a stelle e strisce che tanto mi affascina e, al tempo stesso, mi intimidisce.

Leggo sorpattutto libri di narrativa statunitense e lo faccio principalmente per poter cogliere l'essenza dell'America, e per capire anzitutto cos'è realmente il sogno americano e se esiste. Nella rovinosa caduta postmoderna che caratterizza gli attuali USA, aggravata da un sistema politico corrotto e dal capitalismo avido e avanzato, sembra sopravvivere una potente, seppur piccola, parte di America che io sono felice di poter analizzare, comprendere, lodare e, perché no, pure fare mia attraverso i libri e i film.

Vagando verso l'ignoto e oltre, mi auguro che in questo blog potete trovare quello che vi occorre per viaggiare insieme a me in America e altrove.